Gli spazi

L’asilo Note d’infanzia sorge nel Municipio IX di Roma, in via Tuscolana 555. La struttura che lo accoglie si dispiega su una superficie coperta di circa 700 mq, dotata di un giardino di circa 400 mq attrezzato per le attività ludiche dei bambini di età compresa tra i 6 mesi e i 6 anni.

L’ingresso al nido è facilitato dall’'assenza di scale e barriere architettoniche e dalla possibilità di accedere all'asilo attraverso un ingresso dedicato anche alle autovetture

Il giardino dell'’asilo è stato organizzato prevedendo alcune zone d’ombra fisse e mobili, ed è stata realizzata una struttura fissa a pergola sotto la quale possono essere lasciati i passeggini. 

Dal giardino, si accede all’ingresso principale dell’asilo entrando nell’accoglienza (spazio dedicato all’incontro di bambini e genitori).

Per attuare correttamente lo svolgimento del progetto educativo, il Nido è stato suddiviso in gruppi di bambini divisi in cinque fasce di età: 6-12 mesi, 12-18 mesi, 18-24 mesi, sezione primavera 24-30 mesi ed una sezione dedicata all'accoglienza dei bambini della scuola dell'infanzia.

Ad ognuna di queste fasce di età, corrisponde una sezione, ossia uno spazio dotato di caratteristiche peculiari e volto a configurarsi quale luogo di identità ed appartenenza.

Gli spazi sezione sono i seguenti:

- La sezione dei bimbi (6-12 mesi) è uno spazio ricavato nella zona più silenziosa e raccolta del nido. Dall’interno della sezione si accede in un’ampia stanza dedicata al sonno collegata alla sezione da una porta ed una vetrata, per sorvegliare i piccoli durante il loro riposo. Fuori la sezione, in un angolo raccolto e riservato, si trova un fasciatoio per il cambio di corredino o vestiario dei piccoli ospiti o per togliere/mettere il cappottino e/o scarpine dopo l’ingresso al nido o prima dell’uscita.

La sezione è stata strutturata in considerazione del fatto che nel primo anno i ritmi di sviluppo sono rapidi e, quindi, questo spazio deve contenere più opportunità di movimento. Quando il bambino comincia ad andare carponi o a muovere i primi passi, ha bisogno di esplorare e “gironzolare”; perciò lo spazio deve favorire il gattonamento e deve contenere punti di appoggio sicuri per facilitare i percorsi dei bambini che iniziano a camminare. 

 

 

 

 

 

 

- La sezione dei bimbi  (12-24 mesi) incominciano a consolidare alcune capacità importanti dal punto di vista motorio e comunicativo. Si muovono con maggiore sicurezza, utilizzano il linguaggio e sono in grado di mantenere l’attenzione per svolgere un’attività. Per questo la sezione dedicata ai bambini di questa fascia d’ età è molto più ampia della sezione dei piccoli ed allestita pensando alla loro caratteristica principale: l’essere sempre in movimento alla scoperta del mondo.

 

 

 

 

 

 

 

- Le sezioni dei bimbi (24-30 mesi) e la sezione dedicata ai bimbi della scuola dell'infanzia sono organizzate secondo i bisogni crescenti dei bambini.

L’organizzazione della loro giornata è evidenziata da ritmi scanditi sia dalle situazioni di routine sia dalle situazioni di gioco, sia dalle attività propriamente strutturate. In questa fascia di età i bambini incominciano a giocare in modo autonomo, scegliendo liberamente giochi e aggregazioni diverse con i compagni. I loro interessi si moltiplicano, e quindi, diviene importante organizzare lo spazio, secondo le attività espressamente richieste da loro. Per questo le sezioni sono molto ampie e vicine alla stanza di intersezione organizzata in centri d’interesse.

La stanza delle ninne. Si tratta di una sala arredata con materassini mat-gym (uno per ciascun bambino) che permettono alle educatrici di sdraiarsi accanto ai bambini per coccolarli e mantenere con loro una vicinanza fisica rassicurante ed avvolgente. Sono previsti anche culle tatami per i più piccoli e per i bambini che mostrano maggiori difficoltà nell’addormentamento. La scelta dei mat-gym, materassini morbidi, sfoderabili, ignifughi è legata alla possibilità di trasformare il momento dell’addormentamento in un gioco. Infatti il materassino (configurabile in modi diversi grazie agli strap laterali) si presta anche a compiere piccoli giochi motori che i bambini spesso compiono sul lettone di casa, come saltare e rotolare ma il tutto in piena sicurezza. I materassini sono dotati di corredino (lenzuola e trapuntina) e sono completamente sfoderabili.
 
Gli spazi a disposizione dei bambini sono i seguenti: la sezione di riferimento in cui si svolgono le routine più importanti della giornata come l’accoglienza ed il commiato, il pranzo ed il gioco libero; la stanza delle ninne ed infine una grande aula, spazio di intersezione denominata Bosco Incantato, strutturata in centri d’interesse.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I centri d’interesse o angoli presenti sono i seguenti:

Angolo del movimento. L’area, delineata a terra da tappeti in gomma antiscivolo, permette ai bambini di coordinare la motricità globale e segmentaria, favorendo così lo sviluppo motorio. È uno spazio ben strutturato che è sempre opportuno collocare al di fuori della sezione per dar libero sfogo all’inesauribile energia dei bambini.

L’angolo del gioco simbolico. È l’angolo per il rafforzamento dell’identità personale del bambino sotto il profilo corporeo e intellettuale. Attraverso il gioco simbolico, il bambino è sollecitato ad assumere diversi ruoli, a instaurare una vita di relazione nel rispetto delle regole, a comprendere e condividere modelli comportamentali, a collaborare e cooperare con gli altri, a far giochi di finzione in piena libertà.

 

 

I giochi di ruolo anche detti “del far finta che…”, permettono al bambino di soddisfare il suo bisogno di identificazione con gli adulti, aiutandolo ad acquisire comportamenti, schemi di azione ed espressioni verbali delle persone intorno a lui. L’angolo del gioco simbolico è così strutturato:


Il mercato. Con il banco della frutta e della verdura, carrelli per la spesa, postazione con la cassa.

La cucina. Per poter sperimentare dal vero la preparazione di diversi cibi (biscotti, pizza).

Viene allestito con vari materiali quali grembiulini, presine, stoviglie, piatti, frullatori, posate, contenitori vari ecc;


Lo spazio per le bambole. Per la possibilità di ricoprire i ruoli della mamma e del papà. I materiali proposti per questo specifico angolo devono essere scelti con cura. È importante, infatti, allestire questo angolo con bambole le cui caratteristiche somatiche siano diverse, con pupazzi, abiti e accessori che riflettano le differenze della realtà che i bambini vivono quotidianamente;

I mestieri. L’angolo dei mestieri è arredato con il banco del falegname ed i relativi attrezzi di legno, la pialla, la sega, il rullo, corredato da attrezzi di uso più domestico come il cacciavite, il martello, le viti, etc.

Lo spazio per i travestimenti. Organizzato con una grande cesta contenente vestiti e accessori di vario tipo per l’assunzione di diversi ruoli (principe, principessa, dottore, maestra). Il travestimento costituisce un’ottima occasione per comunicare emozioni, stati d’animo, ansie;

Qui i bambini possono impersonificare i diversi ruoli. Utili in questo spazio sono i giochi con le maschere, le recite con i burattini, marionette ecc;

L'Angolo della casa. Quest’angolo è allestito in una piccola zona protetta, dove i bambini hanno la possibilità di sentirsi liberi nell’interpretare, a loro piacimento, i diversi ruoli. Composto da una toletta con spazzola e phon, una piccola cucina, la culla per le bambole etc , è lo spazio dove i bambini possono divertirsi nel gioco del far finta che… Si tratta di una piccola zona allestita con materiali vari, d’uso domestico, come l’asse da stiro, il telefono, le pentole, i piatti, le scatole di prodotti alimentari, gli alimenti in plastica (frutta, ortaggi, verdura, dolci) ecc;

I bagni dei bimbi

Il bagno della struttura di circa 20 mq è diviso in due ambienti, uno dedicato ai più piccoli ed uno dedicato ai più grandi ed è dotato di fasciatoio e n. 9 vasini baby.

 

 

La cucina

L’asilo è dotato di una ampia cucina interna di mq 17 . La cucina è provvista di un locale dispensa. Dall’esterno i fornitori possono provvedere allo scarico delle derrate alimentari senza entrare all’interno del nido in quanto la cucina è collegata, da un’uscita di sicurezza al piazzale riservato alle autovetture.

 

 

 

 

 

Condividi

Like this!